[Varie Vintage] Mantua Model: Red One 1/8 4WD GP


Share

Questo automodello fu realizzato dalla ormai defunta ditta SG agli inizi degli anni novanta. Dopo il fallimento quest’ultima fu acquistata dalla Mantua Model la quale commercializzò successivamente il modello in questione con il codice articolo 784500000. Si tratta di un’automodello da pista in scala 1/8 per motori a scoppio di cilindrata 3,5 cc. E’ dotata di sospensioni indipendenti, ammortizzatori ad olio, barra anteriore e posteriore regolabili, sgancio rapido ruote posteriori, kit optional 4wd codice articolo 784600000, differenziale posteriore regolabile a sfere, trasmissione a cinghia, freno a disco in acciaio.
Oltre al kit 4wd erano disponibili anche i seguenti optional:
palo rigido posteriore cod. 783005300
cambio 2 marce cod. 755050000
supporto cambio cod. 755240000
tendi cinghia laterale cod. 783005000
telaio pro cod. 783000100

All’avantreno troviamo gli ammortizzatori ad olio ma senza molle, le molle si trovano sotto il braccio inferiore delle sospensioni. La regolazione degli ammorticcaztori è possibile solo con l’utilizzo di olii con densità diverse. L’altezza da terra si effettua per mezzo di una brugula che agisce direttamete sulla molla. La regolazione del camber si effettua agendo tramite un perno filettato con testa esagonale.

La trasmissione alle ruote anteriori è garantita da un palo rigido, e da due unidirezionali montati direttamente sui mozzi delle ruote. I mozzi con diamtro 12 mm hanno il trascinatore esagonale. E’ possibile montare i cerchi Mugen/kyosho sostituendo i barilotti, i mozzi e i sganci rapidi con quelli della Black One.
Tale operazione però comporta la perdita della trazione 4wd in quanto i pezzi della Black One non accettano gli organi della trasmissione della Red One.

Sulla piastra radio in ergal vanno montati i servi gas/freno e sterzo quest’ultimo va montato in posizione capovolta con il salvaservo verso il telaio, quest’ultimo va montato direttamente sul servo ed è realizzato in materiale plastico. Ai lati della piastra radio trovano spazio sulla dx il porta ricevende e sulla sinistra il pacco batterie. Il serbatoio è collocato direttamente al centro della piastra radio, tra quest’ultima e il castello posteriore del retrotreno si trova un tirante che garantisce la giusta flessione al telaio.

Nel retrotreno gli ammortizzatori e la regolazione dell’altezza avviene come sull’avantreno, il differenziale come già detto è del tipo a sfere regolabile ma è possibile sostituirlo con un palo rigido optional. Le cinghie e le pulegge dell’intero gruppo trasmissione sono del tipo XL.
I mozzi posteriori hanno diametro 10mm con sganci rapidi in plastica, i quali garantiscono una tenuta del cerchio sovrapponibile a quella dei sgangi in metallo. E’ possibile se lo si vuole usare dei cerchi Mugen/Kyosho grazie a degli adattatori che portano il diametro dei mozzi a 12 mm. Se si desidera usare dei motori Novarossi e non Os o Picco sarà necessario acquistare sul sito della Mantua Model gli appositi banchetti.

Share

Gettermachine

Informazioni su Gettermachine

Credo che il modellismo abbia fatto sempre parte del mio DNA, ricordo infatti che sin da piccolo avevo la passione di lavorare con degli attrezzi, costruire oggetti, aprire giocattoli per verificare come fossero fatti al loro interno e per capirne il loro funzionamento. A consacrare questa mia passione fu una macchinina radiocomandata con motore a miscela che mi fu regalata per il mio decimo compleanno nel lontano 1986. Negli anni, questa mia passione si è sempre più consolidata fino ad abbracciare diversi settori modellistici e collezionistici, gokin, A/F, prop repliche, busti, auro r/c etc. Dal 1991 sono sulla rete come vortice11 e gettermachine, e dal 2006 ho dato vita al forum MetalRobot e ai siti gokin.it, metalrobot.it e onroadrc.it!