[Autocostruzione] F.R: 01 EP Classic 1/8 2WD


Share

E’ da poco iniziato il 2016, è inverno fa freddo e fuori piove, fa buio presto e la noia aumenta! Come fare per tenerla a bada?………………….. Idea! Acquisto tre lastre di carbonio e mi cimento in un piccolo progetto che mi terrà impegnato per qualche giorno!
Dopo un paio di giorni dall’ordine ecco suonare puntuale il corriere che mi consegna il pacco contenente tre lastre di carbonio, due da 20cm X 20cm e una da 45cm X 20cm tutte spesse 3mm.

Dopo aver preso le dovute misure mi sono munito di minitrapano con disco da taglio, lime e carta abrasiva ad acqua e ho iniziato l’operazione di taglio e sagomatura. Dopo alcuni giorni di lavoro ho completato il telaio e il pianalino posteriore, quest’ultimo è stato ispirato dalle rigide di casa MM.

Per il castello posteriore sono andato sul sicuro, usando il collaudato e indistruttibile castello MM, il differenziale è con ingranaggi in acciaio e cassa in ergal.
La trasmissione è affidata a pulegge e cinghia RPP3, il tutto gira su cuscinetti Abec, l’albero di trasmissione è da 6mm di diametro e il trascinatore della corona è del tipo light, i distanziali sono in ergal.

Il banchetto motore è in ergal ed è prodotto dalla francese DXF, oltre ad essere realizzato in maniera eccellente permette un’ottima regolazione dell’accoppiamento tra la corona e il pignone.

I supporti dei semiassi posteriori e qust’ultimi sono di provenienza MM, il tutto è cuscinettato Abec. Ho utilizzato il sistema fisso MM perchè adoro le rigide vecchia scuola, le quali non presentavano alcun tipo di regolazione al posteriore.

Il supporto superiore che collega e irrigidisce tra loro i supporti dei semiassi è stato ricavato ritagliando e sagomando a mano una lastra di carbonio da 2,5 mm.

Per regolare le flessioni tra il telaio e il pianalino posteriore ho montato un’ammortizzatore 1/8, soluzione copiata dalle pan car 1/12.

Il basculino anteriore ricavato da una lastra di carbonio spessa 3 mm è stato dotato di attacchi sferici mobili. Il supporto dell’assale dell’avantreno è stato fresato a mano nella parte anteriore per porterlo installare sul basculino. Tra il telaio e il basculino ho inserito degli o-ring i quali tendono a migliorare le flessioni tra le parti. L’assale anteriore è realizzato in alluminio ed ho spinato le due estremità, in questo modo le forcelle dell’avantreno avranno lo stesso angolo del caster.

Ho installato il servo dello sterzo in posizion sdraiata, la basetta porta servo è stata realizzata utilizzando una lastra di carbonio da 2 mm. Il salva servo è di produzione SG. Le forcelle e i barilotti delle ruote anteriori sono di derivazione MM e montano degli adattatori per cerchio Mugen.

Ho montato due ammortizzatori, uno per forcella, in questo modo posso regolare le flessioni del basculino rispetto al telaio agendo sull’olio e sulle molle di quest’ultimi.

Sui due fianchi laterali del telaio ho montato i porta batterie, quelli anteriori sono della ARC e sono regolabili, quelli posteriori sono fissi e autocostruiti partendo da una lastra di carbonio da 2,5mm.

Share

Gettermachine

Informazioni su Gettermachine

Credo che il modellismo abbia fatto sempre parte del mio DNA, ricordo infatti che sin da piccolo avevo la passione di lavorare con degli attrezzi, costruire oggetti, aprire giocattoli per verificare come fossero fatti al loro interno e per capirne il loro funzionamento. A consacrare questa mia passione fu una macchinina radiocomandata con motore a miscela che mi fu regalata per il mio decimo compleanno nel lontano 1986. Negli anni, questa mia passione si è sempre più consolidata fino ad abbracciare diversi settori modellistici e collezionistici, gokin, A/F, prop repliche, busti, auro r/c etc. Dal 1991 sono sulla rete come vortice11 e gettermachine, e dal 2006 ho dato vita al forum MetalRobot e ai siti gokin.it, metalrobot.it e onroadrc.it!