[Montaggio] Mantua Model: Intrepid Montecarlo LF 1/8 2WD


Share

A distanza di qualche tempo dall’uscita del primo modello dell’Intrepid la Mantua Model ha presentato la sua versione aggiornata con le soluzioni tecniche create dal modellista Fulvio Lodi scomparso purtroppo prematuramente.

La nuova Intrepid Montecarlo LF (Lodi Fulvio) presenta ora il telaio, il basculino anteriore, la piastra radio e il supporto posteriore per il registro del camber realizzati in carbonio.
Il nuovo basculino anteriore in carbonio si muove su due uniball, fino alla super avant il basculino poggiava su tre inserti di gomma ed era ancorato al telaio per mezzo di tre viti, quindi nuova strada in casa MM per il basculino anteriore.
Il perno del salvaservo è invece ancorato ora al telaio e non più sul basculino. Per motivi qualitativi ho sostituito il salvaservo e i tiranti originali con quelli della Serpent 966.
Come optional ho montato il palo dell’assale anteriore in carbonio cod.785000058 e i supporti di quest’ultimo in ergal cod.785000059. Le forcelle dei fuselli anteriori in ergal sono state alleggerite rispetto la versione precedente e i sganci rapidi sono ora in ergal e non più in materiale plastico. E’ possibile regolare il caster, la convergenza, il camber, l’Ackermann e la carreggiata.

La piastra radio in carbonio è collegata al telaio per mezzo di tre collonnine in ergal due posteriori e una anteriore, questa soluzione garantisce anche una certa rigidità al telaio. Ora è disponibile come optional un supporto in carbonio cod.785000054 per il cambio rapido del pacco batterie.
Finalmente è presente anche la predisposizione per il trasponder, mentre la posizione del servo dello sterzo è rimasta invariata. Il serbatoio è lo stesso del modello procedente presente già sui modelli Avant, F1, Sg Red One, Black One etc.

La trasmissione ora è con passo rpp3 ma io preferisco usare (per una questione di ricambi) ancora la vecchia e amata trasmissione XL presente sul modello precedente. Le spalline del castello posteriori di scatola sono in materiale plastico io invece ho optato per utilizzare quelle optional cod. 785000165 in ergal. Le ali di gabbiano che sorreggono i barilotti posteriori sono state alleggerite come le forcelle anteriori.
La piastra superiore posteriore del castello della trasmissione è ora in carbonio ed è possibile sostituirla con altre piastre optional per variare il passo nelle seguenti configurazioni: – 3 mm 0 e + 3 mm. E’ possibile regolare anche la carreggiata e la convergenza intervenendo sul pivot balls dei barilotti posteriori. Il pianalino posteriore in acciaio che funge da contro telaio ha ora uno spessore di 1,5 mm il che permette di usare più gomma.
Il differenziale è con la cassa in ergal e gli ingranaggi in acciaio (praticamente indistruttibile) è possibile sostituire i satelliti e i planetari ottenendo le seguenti configurazioni: 20-10, 16-12 e 12-12. Come ultimo optional ho montato il supporto motore integrale cod.785000164.

Share

Gettermachine

Informazioni su Gettermachine

Credo che il modellismo abbia fatto sempre parte del mio DNA, ricordo infatti che sin da piccolo avevo la passione di lavorare con degli attrezzi, costruire oggetti, aprire giocattoli per verificare come fossero fatti al loro interno e per capirne il loro funzionamento. A consacrare questa mia passione fu una macchinina radiocomandata con motore a miscela che mi fu regalata per il mio decimo compleanno nel lontano 1986. Negli anni, questa mia passione si è sempre più consolidata fino ad abbracciare diversi settori modellistici e collezionistici, gokin, A/F, prop repliche, busti, auro r/c etc. Dal 1991 sono sulla rete come vortice11 e gettermachine, e dal 2006 ho dato vita al forum MetalRobot e ai siti gokin.it, metalrobot.it e onroadrc.it!